Stenosi Carotidea

Stenosi Carotidea

1.     INTERVENTO CHIRURGICO

La strategia chirurgica consisterà nel ripulire il tratto/i di arteria malati (tromboendoarterectomia) e utilizzare, talvolta, dei dispositivi (patch) sintetici o naturali (vena) che hanno la funzione di allargare il lume dell’arteria; sostituire (innesto) o di by-passare tratti di arteria malati con protesi sintetica. Tali dispositivi sintetici sono compatibili con i tessuti umani, il cui impianto potrà comunque comportare complicanze immediate e/o a distanza tra cui le più probabili sono la trombosi, l’infezione e/o dilatazione, eventi che comporterebbero l’ulteriore sostituzione della protesi con altro materiale sintetico analogo o, ad esempio, con tessuti autologhi (vene).

2.     TRATTAMENTO ENDOVASCOLARE

La strategia endovascolare prevede il rilascio mediante accesso percutaneo nella zona malata di un dispositivo (stent) che serve a mantenerla aperta.

La metodica endovascolare è più recente, sicuramente meno traumatizzante per il paziente ma presenta limiti di fattibilità (tipologia della placca) ed inoltre non sappiamo negli anni quale potrà essere l’evoluzione, il che non significa necessariamente evoluzione sfavorevole.

Per tali motivi questa metodica attualmente non è indicata in tutti i pazienti affetti da stenosi carotidea, ma solo in casi selezionati e nei pazienti cosiddetti “a rischio”. Le linee guida nazionali ed internazionali al momento non raccomandano tale metodica se non in presenza di restenosi (cioè ricomparsa della malattia dopo un precedente intervento) o di condizioni anatomiche che rendono l’intervento chirurgico tradizionale di difficile esecuzione, per esempio, pazienti sottoposti a radioterapia nella regione del collo per pregresse patologie tumorali.
La metodica endovascolare inoltre non mette al riparo dalla ricomparsa della malattia ed anzi sembra essere associata ad un maggior rischio di recidiva.

In associazione a tale metodica si usa utilizzare oggi anche dei sistemi di protezione cerebrale per ridurre il rischio di embolia cerebrale e qundi di ictus intra e post-procedurale.

COS’È?

È una patologia che interessa i vasi sanguigni che portano il sangue al cervello. La formazione di placche ateromasiche a livello dell’arteria carotide interna determina restringimenti che impediscono al sangue di scorrere liberamente e di irrorare in quantità adeguata il cervello. Da tali placche possono, inoltre, distaccarsi piccoli frammenti che embolizzano nei vasi arteriosi cerebrali. Entrambi questi meccanismi sono in grado di dar luogo a ictus ischemici cerebrali.

COME SI RICONOSCE?

In molti casi, tale patologia decorre senza sintomi fino all’evento ischemico cerebrale. È, quindi, di fondamentale importanza inserire nei programmi di screening cardiovascolare lo studio delle carotidi, specie in soggetti con uno o più fattori di rischio. In altri casi, le persone affette da questa patologia possono presentare:

  • disturbi di sensibilità e della motilità degli arti;
  • disturbi temporanei della vista;
  • disturbi della parola;
  • disturbi della stabilità;
  • attacchi ischemici transitori o TIA (sofferenza temporanea delle cellule cerebrali per mancanza di ossigeno);
  • ictus o infarto cerebrale (morte delle cellule cerebrali per mancanza di ossigeno).

Ci sono esami che permettono di individuare la malattia:

  • ecocolordoppler TSA (tronchi sovraortici);
  • angio-risonanza magnetica dei TSA;
  • angio-TC TSA;
  • angiografia (in casi selezionati);
  • TC encefalo per la ricerca di eventuali segni di sofferenza cerebrale.

CHI SI AMMALA?

I soggetti più a rischio sono persone che presentano già altre malattie cardiovascolari con i fattori di rischio associati (ipertensione arteriosa, fumo, diabete, dislipidemia) o soggetti con familiarità positiva per patologia aterosclerotica o ictus cerebrale. Anche l’età rappresenta un fattore di rischio: i pazienti di età superiore ai 50 anni hanno più probabilità di manifestare la malattia.

COME SI CURA?

Vi sono diverse tipologie di trattamento:

  • terapia medica: si attua per prevenire la progressione e i sintomi di stenosi carotidee non gravi (antiaggreganti piastrinici);
  • trattamento chirurgico: attuato e comprovato da anni di esperienza, consiste nell’asportazione della placca ateromasica direttamente attraverso un’incisone della carotide, in anestesia locoregionale;
  • trattamento endovascolare: effettuato solo in casi selezionati, rappresenta infatti il trattamento di scelta solo nei pazienti che, per motivi tecnici o legati alle condizioni generali, non possono essere sottoposti al trattamenti chirurgico.
  • Date: 21 Febbraio 2014

Un professionista al tuo servizio! Contatta il Dr. Guarnaccia per ricevere maggiori informazioni sulle patologie, i servizi e i trattamenti e per fissare un appuntamento in studio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi